fbpx

Blog

Come creare una campagna di E-mail Marketing efficace

  |   Consulenza, Marketing

Abbiamo iniziato la scorsa settimana a parlare di email marketing, partendo dai principali errori da EVITARE in questa attività. Oggi entriamo più nel dettaglio, cercando di scoprire qualche piccola strategia per iniziare a creare delle campagne efficaci.

C’è innanzitutto da sapere (soprattutto per chi non si è mai approcciato a questa attività) che i moderni sistemi di e-mail marketing hanno oggi delle “armi” in più costituite da piccole automazioni che permettono a chi riceve di interagire più facilmente con il contenuto, a chi invia di ottenere dati ed informazioni fondamentali per le prossime attività.

Un modo per utilizzare questo metodo è quello di inserire delle domande all’interno delle e-mail che facciano in modo di attivare delle risposte da parte degli utenti (cosiddette call to action).

Ad esempio, se l’azienda invia una mail all’interno della quale è contenuta una domanda del tipo “Sei più interessata a creme per il viso o per il corpo?”, e l’utente risponde alla call to action indicando la propria preferenza, l’azienda può in questo modo filtrare la propria lista in base alla preferenza selezionata ed inviare successivamente una newsletter con una comunicazione più mirata, conoscendo il maggior interesse di quell’utente per l’uno o l’altro genere di prodotto.

Grazie alle automazioni dei software di e-mail marketing, operazioni del genere (che a parole possono risultare complessi e dispendiosi in termini di tempo) sono in realtà molto semplici ed immediate.

Ma come creare una campagna di e-mail marketing efficace?

Coinvolgere gli utenti e catturare la loro attenzione non è semplice. Sapersi muovere tra le decine di comunicazioni che ciascuno di noi riceve quotidianamente è importante per non fare passi falsi e sfruttare al massimo il potenziale della posta elettronica.

Vediamo insieme 5 importanti suggerimenti per iniziare a creare campagne efficaci:

1. Profila il tuo target group

A molti può sembrare scontato ma non lo è affatto. C’è ancora chi pensa che inviare migliaia di mail a contatti generici sia una strategia efficace (“Più invio, meglio è!”). Nulla di più sbagliato.

Se è vero che in mezzo alla massa ci sarà sicuramente qualcuno interessato alla tua offerta, è vero anche che la maggior parte delle persone non gradirà ricevere le tue promozioni e assocerà al tuo brand un’esperienza negativa.

Al contrario, creare un database ricco di lead di valore, con persone che hanno espresso il consenso a ricevere le tue mail e perciò interessate al tuo brand, è importantissimo per non sprecare tempo e risorse.

Un altro errore che molti commettono, e che abbiamo citato nell’articolo della scorsa settimana, è quello di voler vendere subito qualcosa. Oggi il consumatore è più evoluto, attento e consapevole rispetto al passato, anche se il tuo scopo è di incrementare le vendite nel breve periodo, non avere fretta!

Il tuo primo obiettivo dev’essere quello di creare una relazione di fiducia con i tuoi interlocutori, solo in seguito potrai proporre loro i tuoi prodotti e servizi. Quello che devi fare in questa prima fase non è altro che costruire mattone dopo mattone il tuo mondo di relazioni digitali.

2. Definisci un buon piano strategico

Metti a fuoco gli obiettivi!
Desideri incrementare le vendite di un prodotto? Generare traffico sul tuo sito web? Per non rischiare di vanificare i tuoi sforzi, focalizzati su uno o al massimo due obiettivi e assicurati che questi siano SMART, ovvero Specifici, Misurabili, Accessibili, Realistici e raggiungibili entro un determinato arco di Tempo.

Per sviluppare una strategia vincente devi necessariamente pianificare le tue azioni: modalità di interazione, contenuti e tempistiche. Non perdere occasione per osservare i tuoi clienti e raccogliere quante più informazioni possibili sui loro interessi, abitudini e bisogni.

In questo senso, i form di iscrizione alla newsletter possono esserti d’aiuto. Non limitarti ai dati di contatto, ma cerca di stimolare la curiosità e l’interesse delle persone, invogliandole a lasciare quante più informazioni possibili su di sé.

Infine, non dimenticare di elaborare un piano e un calendario editoriale.

3. Esprimi il messaggio in maniera chiara ed efficace

I contenuti sono importantissimi per il successo di una campagna di e-mail marketing. La tua e-mail deve emergere tra le “e-mail spazzatura” che affollano ogni giorno le caselle di posta elettronica.

Far leva sulle emozioni dell’utente può rivelarsi un’ottima strategia.

Per esempio, puoi stimolare la curiosità con frasi accattivanti, o puntare sull’urgenza (“Scade oggi il tuo sconto del 40%”), o ancora sullo stupore.

Un altro consiglio è quello di personalizzare la comunicazione. Gli utenti in target non sono tutti uguali. Più sarai in grado di differenziare il messaggio, maggiori saranno le possibilità di successo. Punta su un testo semplice e chiaro e su una grafica accattivante.

Cerca di conquistare la fiducia degli utenti offrendo loro qualcosa in cambio (un contenuto esclusivo, un buono sconto, ecc.). Infine, metti ben in evidenza la call to action.

4. Dimostrati attento e disponibile verso gli utenti

Quello che puoi fare per fidelizzare i tuoi clienti è mostrare attenzione per gli avvenimenti importanti, compleanni, ma anche festività ed eventi speciali. Non perdere l’occasione di riservare un’offerta speciale ai tuoi clienti, quelli che in gergo si chiamano freebies, i regali per chi ti segue.

La professionalità di un brand non si vede solo dalla comunicazione, ma anche dall’empatia che è in grado di sviluppare con i propri clienti.

Non devi essere invadente, presta attenzione ai dettagli e lascia che le tue iniziative parlino per te. Infine, non dimenticarti di inserire nelle e-mail che manderai ai tuoi clienti i bottoni social.

5. Non abbassare mai la guardia: osserva, verifica e ottimizza

La fase di controllo e di analisi è una delle più importanti e delicate. Quali sono i dati da raccogliere? Il numero di mail aperte, i click sul messaggio, le mail respinte e le cancellazioni dalla newsletter.
Per verificare l’efficacia di una campagna di e-mail marketing è bene sviluppare degli A/B test, ossia realizzare due diverse versioni della stessa mail per individuarne punti di forza e di debolezza.

Puoi per esempio cambiare l’orario di invio, sperimentare diverse grafiche e layout, modificare l’oggetto della mail o la call to action. Un errore che commettono in molti è concentrarsi sulle azioni da implementare e non sulla loro reale efficacia.

Spesso, invece, il controllo è la chiave del successo. Anche capire perché un utente ha cancellato la propria iscrizione chiedendogli di rispondere ad un breve sondaggio può essere utile per capire se si è sbagliato qualcosa e cosa fare per migliorare.

Ricorda, infine, che le email devono sempre essere responsive (ossia che la grafica si adatti a qualsiasi dimensione dello schermo): la maggior parte dei messaggi viene letta da uno smartphone, questa non è più una novità, perciò le comunicazioni devono assolutamente adattarsi ai dispositivi mobile.